Insieme contro il Cyberbullismo: incontro pubblico rivolto alle famiglie degli alunni di tutte le scuole apriliane e agli operatori del settore.


In prima linea il Rosselli di Aprilia: si è tenuto ieri 31/01/2020, alle ore 15:30, presso il modernissimo Auditorium dell’Istituto Carlo e N. ROSSELLI, la terza edizione del Convegno Seminario Formativo sul Cyberbullismo nell’ambito del progetto “Scuole in Rete”, che coinvolge tutti gli Istituti Scolastici del territorio di Aprilia.
Il Dirigente Scolastico, Prof. Ugo Vitti, ha dichiarato che il fenomeno del Cyberbullismo è in aumento costante a causa del continuo utilizzo degli strumenti informatici.
Il Dirigente Vitti crede fermamente nel ruolo delle istituzioni scolastiche al fine di contrastare il Bullismo e il Cyberbullismo.
Ecco perché, oltre ad iniziative di sensibilizzazione, ha aperto, presso il proprio Istituto, uno Sportello di Ascolto coordinato dalla Prof.ssa Sabrina Vento, Referente di Istituto in tale materia.
La stessa Prof.ssa Vento è stata parte integrante nell’organizzazione dell’evento presso l’istituto Rosselli che è capofila del Progetto.
Il Prof. Vitti ha inoltre dichiarato che è fondamentale educare gli studenti ad un utilizzo responsabile della Rete, senza rinunciare al proprio ruolo di guida, o ad una didattica più motivante e al passo con i tempi.
Un passaggio importante in cui fondamentale è la cooperazione con le famiglie e con tutti i soggetti educativi del territorio.
L’incontro è stato patrocinato dal Comune di Aprilia, in collaborazione con il CTS (Centro Territoriale di Supporto) di Latina con sede presso l’IC Frezzotti-Corradini.
Molto dinamiche e pronte le moderatrici prof.ssa Marilena Ferraro e insegnante Benedetta Iacobellis, anch’esse Referenti per i loro Istituti, le quali hanno condotto l’intero incontro alterando tutti i momenti e i tempi dei relatori.
Ad aprire i lavori sono stati proprio i saluti istituzionali dell’assessore ai Servizi Sociali Francesca Barbaliscia e dell’assessore all’Istruzione Elvis Martino i quali, hanno più volte, hanno evidenziato l’alto valore sociale dell’evento nonché l’importanza di seguire sempre più il Fenomeno del Bullismo e del Cyberbullismo affinché i ragazzi si rendano consapevoli dei loro agiti.
Successivamente è intervenuta la Mental Coach, esperta in family e teen coaching, Dott.ssa Annalisa Ronchi, la quale ha subito coinvolto i ragazzi e le ragazze presenti attraverso la sua comunicazione efficace e coinvolgente.
Proprio parlando di consapevolezza, coerenza e conoscenza è iniziata l’esposizione del relatore Dott. Gianfranco Pinos, Mediatore Penale, già Ispettore Capo della Polizia Postale e delle Comunicazioni, membro del Nucleo Operativo Permanente per la prevenzione del Bullismo di Latina, unitamente alla presente Dott.ssa Monica Sansoni, e ad altri qualificati esperti professionisti del territorio.
Il relatore Pinos è entrato, sin da subito, nel vivo del tema introducendo l’importanza della coerenza, consapevolezza e conoscenza in ambito socio-giuridico citando, e spiegando, le innovative normative che tutelano i Minori d’età in fatto di Bullismo e Cyber.
Il tavolo degli esperti ha davvero alternato, in maniera armonica, tutti gli argomenti dedicati alla giornata.
Ed infatti anche l’Avv.to Dania Zattoni, del Foro di Velletri e docente presso l’Università Popolare “Tommaso Moro” ha introdotto gli aspetti penali e civili del Bullismo, l’imputabilità del minore nonché le responsabilità dei genitori e dei docenti.
Davvero incisivo l’intervento dell’Assistente Capo, Anticrimine e Investigazione, del Commissariato di Polizia d Stato, a Cisterna di Latina.
Il relatore ha parlato dei vari aspetti delle devianze minorili legate ai casi pratici concretamente trattati, soffermandosi sul ruolo cardine che detengono i genitori.
Commoventi le letture delle riflessioni sull’argomento, di alcuni alunni, attraverso brani tratti dal romanzo intitolato “Il Rifugio di Morgana” della Prof. Pina Farina.
La Dott.ssa Monica Sansoni, che dirige sul nostro territorio, da molti anni, lo Sportello Istituzionale Territoriale di Ascolto Minori e Famiglie della Struttura Amministrativa di Supporto del Garante Infanzia e Adolescenza della Regione Lazio, Avv.to Jacopo Marzetti, ha esaustivamente illustrato il rapporto tra Minori e Social Network e dell’uso che se ne fa.
La relatrice ha parlato dei casi pratici seguiti dallo stesso Sportello di Ascolto di Latina, che vanta una fitta rete con altre Istituzioni locali, soffermandosi più volte sull’attuale rapporto genitori-figli e di come Internet, talvolta, si unisca quale nuovo interlocutore in tale rapporto che, sotto il punto di vista sociale, si sta molto modificando.
Sono stati analizzati altresì gli aspetti sociologici di tali comportamenti, che vengono rilevati nelle CTU e CTP in ambito Criminalistico Linguistico Forense nonché dei fenomeni preoccupanti, che sono emersi ultimamente nella nostra Provincia, tra i quali il Cyberbashing.
L’intervento è stato ottimamente condiviso dalla Dr.ssa Erika Vitali Psicologa Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale dell’età evolutiva e degli adulti, terapeuta EMDR.
La Psicologa ha introdotto i reali rischi che emergono nel negativo, e non consapevole, utilizzo dei videogame on-line dai così definiti “immigrati digitali”, soffermandosi sulle App più scaricate del momento e di quale sia la reale comunicazione e percezione che ne deriva.
Ha inoltre illustrato quali sono gli effetti prodotti, ai danni dei bambini e dei ragazzi, navigando all’interno delle piattaforme dei giochi on-line.

FullSizeRender (1)

Categorie:famiglia, scuola, Sociale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: