1989-2019 / Paolo Carraro: “Noi che scordiamo muri e fiori”


Già 30 anni so’ passati.
Nun se scorda quer momento,
tutti quanti pronti e eccitati
de vedé crollá er cemento.

Se diceva “oltre cortina”,
quer confine misto e infamante.
In realtà è sempre latrina,
separá paesi e gente.

C’è sembrata LA vittoria
senza spazio e senza tempo.
Dai bastardi senza gloria,
alla speranza der rinascimento.

Tanta gente lì affollata,
nella splendida Berlino,
ogni tivvú era collegata,
ogni studente e cittadino.

Ma da sempre er monno è strano
e nun impara la lezione.
L’odio è sempre un vizio umano …
che si inghiotte la ragione.

Nun è tempo più de muri,
nun è tempo de confini,
Oggi è il tempo dei colori,
e di tornare noi bambini.

Ritrovare quell’ardore
che faceva tutti uguali.
Riconoscer quell’odore
per distinguere i maiali.

Pe’ 30 anni sei durato,
n’antri 30 pe’ sparí.
Ma er pianeta è abituato,
giù due lacrime e a dormí.

(Paolo Carraro, CISL nazionale)

IMG-20191109-WA0001

(Paolo Carraro, Cisl nazionale)

IMG-20191109-WA0002

Categorie:Sociale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: