Lidano Grassucci: “contro la barbarie della omologazione”


Lidano Grassucci, Direttore del giornale online “Fatto a Latina” e storica penna del giornalismo pontino risponde alle domande di Lazio Sociale.
Non potete parlare con il Compagno Grassucci senza allargare le vostra labbra con una generosa risata.
Direttore, perchè compagno?
Perchè sono nato socialista e morirò con la bandiera socialista; quella con falce, martello e sol dell’avvenire. Poi, compagno vuol dire colui con cui hai diviso il cibo, che è una delle espressioni più belle sulle relazioni umane.
I tuoi articoli sono sempre con venature malinconiche, ma si accendono di ironia rapidamente, raccontaci queste due caratteristiche, che riannodi spesso nella tua tradizione lepina.
La malinconia nasce dal fatto di appartenere ad una generazione che voleva cambiare il mondo, ma siamo stati sconfitti, perchè è il mondo che ci ha cambiati. In questa sconfitta il Mondo ha perso la capacità di ridere, è nata una ignoranza seria, per batterla c’è solo una chiave: l’ironia intelligente.
La mia tradizione più che lepina è setina e nasce dal fatto che se vuoi stare al mondo devi essere qualcosa con radici solide. Le mie sono quelle della educazione e della cultura tramandata dai miei nonni, che rivendico, come rivendico la loro e la mia lingua.
Ho fatto anche titoli in dialetto e scrivo articoli in setino e proprio in questi giorni con una insegnante di lettere ho avuto un confronto rispetto all’uso del dialetto: credo che le lingue locali siano una linfa fondamentale per l’evoluzione dell’italiano, altrimenti corrotto dall’inglese.
Silvio Berlusconi ha inciso nella società italiana tantissimo: una tua riflessione.
Ha portato nella politica le Partite Iva. In una fase storica in cui  i piccoli imprenditori, le partite Iva, non si trovavano nella rappresentanza storica del lavoro della sinistra italiana e nel nostalgismo della destra, ma neanche nella Dc in crisi. La sua colpa è quella di non aver fatto la rivoluzione liberale e di essere passato da Pera, Martino ed Urbani a Lele Mora.
Oggi i politici sono più vicini ai cittadini?
Assolutamente no, non li conoscono.
E i 5 Stelle fatti da cittadini rapidamente e improvvisamente inseriti nelle istituzioni, come non possono conoscere gli altri cittadini?
Interpretano un istinto, quello di alienare le colpe agli altri. L’immagine rappresentativa è quella di Alberto Sordi nel film “Un Giorno in Prentura”, nel quale si giustifica ad un accusa del giudice, dicendo che aveva avuto la scarlattina da piccolo ed è caduto nella marrana.
Quindi non sono un precesso politico, tant’è che indifferentemente si alleano con la Lega e il Pd. Non conoscono gli italiani, ma ne sono la macchietta.
Salvini perchè ha sciolto l’esperienza di Governo?
Fermo restando che La Lega è il partito più antico in Parlamento, ma non riesce ad interpretare la società italiana. La legge tramite i social media e il sistema della informazione, che la falsano. Salvini ha ottenuto alle elezioni europee 9 milioni di voti su 52 milioni di elettori, eppure ha pensato di “essere tutto, invece non è neanche qualche cosa o meglio è poca cosa”.
Ha mancato di capacità di analisi, ha fatto incazzare i suoi alleati e ha servito su un piatto d’argento la possibilità di vendetta del PD; non è un leader.
Il principe, secondo Machiavelli, deve conquistare il potere, ma deve anche essere in grado di mantenerlo.
Ha avuto paura della finanziaria?
Un politico non ha paura della finanziaria, ma la fa, altrimenti poteva fare il concorso alle poste.
Latina, il tuo capoluogo e tua città di residenza, potrebbe avere una svolta e con che soluzioni?
Dovrebbe diventare una città contemporanea, uscendo dalla nostalgismo che l’ha caratterizzata da Finestra in poi, tornando ad essere una città italiana del XXI secolo e non il museo dell’inizio del XX secolo. Sarebbe questo il grande compito culturale della sinistra a Latina.
 
Fatto a Latina è il tuo nuovo progetto editoriale, che ha in programma?
Vorrei tornare al giornalismo d’opinione, alla lettura originale, distinguendoci dal copia e incolla, dalla omologazione del giornalismo del paese. Allah ama diversità meravigliose.
Lidano, un viaggio che hai fatto iun questi ultimi anni e che ti ha donato qualcosa in particolare.
Un viaggio a Roccamassima, in termini di spazio 10 minuti in automobile, in termini di tempo un viaggio importante, perchè sono tornato al passato. Era il comune dove lavorava mio padre e ritrovandomi lì ho dovuto fare i conti con la mia storia, i miei sentimenti e le mie mancanze. I vaiggi non li devi fare lontani in termini di spazio, ma in relazione ai sentimenti. Il viaggiatore non è un turista che ruba le immagini, ma sente i luoghi. Il turista è uno che si ingozza di cibo, il viaggiatore si procura il cibo, rischiando il digiuno.
Hai scritto circa dieci libri, ne scriveresti uno su questa fase politica?
Non è interessante e non ci sono personaggi degni di essere raccontati. E’ una crisi di classe dirigente, uomini che non diriggono, ma si fanno dirigere dai sondaggi e da un gruppo di opinion leader che raccontano la loro idea della società. Una classe dirigente affronterebbe il vero dramma italiano, l’attuale migrazione dei giovani. La sinistra italiana  difese i minatori che avevamo venduto al Belgio in cambio di carbone. Ora  stiamo vendendo intelligenze in cambio di sudditanza.
Affronterei il tema della speranza, ad esempio toglierei il numero chiuso nelle università, introducendo il rigore negli studi. Se ricrei speranza affronti anche il tema della denatalità. La vera crisi italiana è demografica, non economico-sociale. Ogni nascita è una speranza che incentiva i genitori ad investire nello sviluppo.
Non bisognava fare quota 100, ma investire nella scuola pubblica.
Quota 100 porta i nonni a consumare il “cibo” dei nipoti, invece investire nella scuola consente ai nipoti di creare la ricchezza per far vivere meglio i nonni.
Un messaggio per gli amici di Lazio Sociale
Avete una bellissima parola “sociale”, che vuol dire mettersi insieme per ottenere un obiettivo. Siete espressione di una grande tradizione, quella del cattolicesio sociale, che se supera alcuni retaggi di esclusiva, potrebbe dare un grande contributo per costruire una società nuova e giusta.
Come diceva Noberto Bobbio se scegli di stare dalla parte degli ultimi ti devi occupare di uguaglianza, l’alternativa è la barbaria del capitalismo, che aumenta il valore delle azioni in ragione dei licenziamenti fatti.
Rosa Luxemburg, durante la Comune di Parigi, disse o socialismo o barbarie.  O stiamo insieme in società o vinceranno i prepotenti.
Nella cameretta di un giovane Lidano Grassucci, il poster di Che Guevara o di Garibaldi?
C’era l’immagine di Riccardo Lombardi, con la frase: ” è socialista quella società che da a tutti le medesime opportunità, che ciascuno vive con il proprio talento.
C’era anche scritto in un altro poster: “con le budella dell’ultimo prete impiccheremo l’ultimo re”, che significava essere contrari alla oppressione dell’anima e dall’altra a quella del corpo. Una esaltazione della libertà. Nonno diceva: “schitto gl asino te i padrono”
Carla Felicia
IMG-20190828-WA0023
Categorie:Sociale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: