Zingaretti svela il logo Pd, una lista ancora aperta Leader con Calenda, ma Art.1 lo gela: “Alleanza? Difficilissima”


(di Luca Laviola)
(ANSA) – ROMA, 30 MAR – Al sole di primavera della terrazza
del Nazareno, la sede che intende lasciare, Nicola Zingaretti
presenta il logo per le elezioni europee, per “una lista
aperta”. “Possiamo vincere, e’ un esperimento, una sfida”, dice
il segretario Pd prima di svelare assieme a Carlo Calenda il
simbolo: sopra il Pd bianco-rosso-verde, in mezzo, rosso, il
Partito socialista europeo (Pse), sotto il blu e le 12 stelle
dell’Ue di Siamo Europei. L’ex ministro, capolista nella
circoscrizione Nordovest, ascolta Zingaretti ripetere il mantra
“lavoro, lavoro, lavoro”: “Date questo alle persone, non le armi
– sfida il governo il leader dem -, se siete capaci”.
La chiave per “una lista ancora in divenire” e’ il logo
Socialisti&democratici del Pse per un accordo con Mdp-Articolo
1, i fuoriusciti dal Pd. “E’ aperto un confronto – dice
Zingaretti – che mi auguro nelle prossime settimane porti a un
loro coinvolgimento”. Ma Arturo Scotto di Articolo 1 critica la
scelta di presentare oggi il simbolo con Calenda e ammonisce che
“l’operazione per una lista unica e’ difficilissima”, che il
movimento vuole “vedere riconosciuta la propria specificita’”. E
nella proposta di Zingaretti non c’e’ abbastanza discontinuita’.
Il segretario Pd va poi al congresso del Partito socialista
(Psi), che dialoga con Art.1. “Dobbiamo batterci contro le
terribili diseguaglianze e la solitudine delle persone – dice -,
l’Europa deve difenderle dalla violenza dell’economia globale”.
L’Unione va cambiata, riformata, secondo Zingaretti, ma “senza
Europa non c’e’ futuro per l’Italia”. Piu’ apocalittico Calenda:
“L’Italia rischia di essere il primo grande Paese fondatore a
uscire dall’Europa e dall’Occidente, dalla serie A; e’ un
pericolo mortale”. Ma sicuro pure che “serve una grande
mobilitazione. Basta divisioni, sono convinto che l’Italia che
lavora reagira’” al successo troppo annunciato di populisti e
sovranisti alle elezioni europee.
Per il manager e’ un successo aver portato il titolo del suo
manifesto nel simbolo della lista guidata dal Pd per le Europee.
Calenda non e’ riuscito – e nemmeno Zingaretti – a convincere
+Europa di Emma Bonino ad essere della partita nella stessa
formazione. Concorreranno divisi, condizionati dal
proporzionale, sperando che i radicali assieme a Italia in
Comune di Federico Pizzarotti, sindaco di Parma, superino il 4%
di sbarramento. Con l’idea di ritrovarsi dalla stessa parte a
Strasburgo.
Il senso dell’evento sulla terrazza del Nazareno lo da’ Paolo
Gentiloni, presidente del Pd ed ex premier, che sulla sfida
“antipopulista” ha scritto un libro. “E’ un bel simbolo,
rappresenta il massimo di unita’ possibile che siamo stati capaci
di realizzare – dice -. La lista e’ aperta a sinistra, ma anche
al centro, alle culture liberali e ambientaliste”. Bisognera’
pero’ ancora lavorarci molto, a meno di due mesi dal voto.
(ANSA).

Categorie:Sociale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: