Consiglio Lazio: al via l’esame del piano sociale Ok a 31 emendamenti


Roma, 16 gen. (askanews) – Al via oggi in Consiglio regionale l’esame della proposta di deliberazione consiliare n. 12 del 4 giugno 2018, “Approvazione del piano sociale regionale denominato`Prendersi cura, un bene comune'”- I lavori sono stati sospesi dal vicepresidente Devid Porrello, che presiedeva l’assemblea, dopo l’approvazione di 31 emendamenti al testo. In mattinata, dopo aver osservato un minuto di raccoglimento in memoria dello
scomparso ex assessore e consigliere regionale D’Amata e dopo il question time, il Consiglio aveva ascoltato la relazione sul testo dell’assessore Alessandra Troncarelli e quindi aveva svolto il dibattito generale sullo stesso, sotto la presidenza dell’altro vicepresidente Giuseppe Cangemi.
La gran parte degli emendamenti approvati oggi portavano come prima firma quella di Davide Barillari del Movimento 5 stelle.
approvati 5 emendamenti di Daniele Giannini della Lega, tre a
testa di Marta Bonafoni (Lista Zingaretti), Alessandro Capriccioli (Più Europa-Radicali), Pasquale Ciacciarelli (Forza Italia), Chiara Colosimo (Fratelli d’Italia), Giuseppe Simeone (Forza Italia) e uno ciascuno per Paolo Ciani del Centro solidale e Michela Di Biase del Partito democratico. Gli emendamenti, a parte il primo che riguarda le “parole chiave” del piano sociale, intervengono sui primi tre punti del piano stesso, il punto A “Obiettivi”, il punto B “Stati di bisogno, miglioramento dei servizi e azioni prioritarie” e il punto C “Livelli essenziali delle prestazioni”. Nella sua relazione illustrativa del piano, l’assessore al welfare Alessandra Troncarelli ha voluto anzitutto ringraziare Rita Visini per il lavoro fatto nella precedente legislatura sul tema, quindi ha detto che la legge regionale 11 del 2016, che ha recepito la legge 328 del 2000, mette al centro la persona, “come essere umano e come utente”; si rende necessaria l’integrazione sociosanitaria per rispondere ai
bisogni complessi. La vita indipendente, la disabilità, le politiche per gli anziani sono gli aspetti salienti di questo piano triennale, insieme al consolidamento dei percorsi di adozione e di affidamento familiare, all’attenzione per i mediatori culturali per i minori stranieri e ai giovani con le loro problematiche occupazionali; ancora, le problematiche dei migranti, la violenza di genere, le persone private della libertà personale, la salute mentale sono tutti temi all’attenzione del piano. Per il terzo settore, ha detto ancora Troncarelli, previsto un milione di euro che sarà dato alle coop sociali
attraverso dei bandi per permettere anche ad esse di “dare dei servizi agli utenti”. I livelli essenziali delle prestazioni (Leps) sono il cuore del piano, con il Segretariato sociale, che è una sorta di front office per i bisogni sociali e il Pua, che svolge la stessa funzione, ma in ambito sanitario. Per i bisogni complessi queste strutture devono interagire attraverso l’unità di valutazione multidimensionale, dove si redige il piano individuale assistenziale (Pai). Il servizio sociale professionale è un altro livello essenziale delle prestazioni, dei cui operatori il piano cerca di migliorare il lavoro. Per quanto riguarda il servizio di assistenza domiciliare, lo spirito del piano lo preferisce al ricovero: in tal caso, fondamentale è
la funzione del cosiddetto caregiver, termine con cui si intende
il familiare che si deve prendere cura del soggetto che resta
all’interno della famiglia per motivi di disabilità.
Residenzialità e semiresidenzialità sono altri due Leps presi in
esame. La Regione, così ancora l’assessore, deve mettersi in
relazione con i distretti sociosanitari, che lavorano attraverso
gli Uffici di piano, i quali redigono i piani di zona e devono
coniugare aspetto sociale e sanitario. Saranno messe a punto una
nuova scheda sia di convenzione sociale che sociosanitaria,
quest’ultima non prima di settembre 2020 data la sua complessità.
Le risorse nel complesso dei vari fondi ammontano a un totale di
560 milioni di euro più 132 di fondi Por Fse, provenienti
dall’Unione europea. Importante la previsione, con compiti di
monitoraggio, ha concluso Troncarelli, di un Osservatorio
regionale per le politiche sociali, che deve riferire al
Consiglio regionale.

Categorie:Sociale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: